sabato, 24 Febbraio , 24

Ue, Draghi: servono enormi investimenti pubblici e privati

Scambio di idee coi ministri Ecofin per...

Si arricchisce il roster di IMARTS cinque new entry

Ron, Irene Grandi, Goran Bregovic, Silvia Salemi...

Assopellettieri: 2023 atteso in parità, ripresa vista nel II semestre

AttualitàAssopellettieri: 2023 atteso in parità, ripresa vista nel II semestre

La presidente Sequi: il momento non è tra i più felici ma il comparto c’è

Milano, 8 feb. (askanews) – “Ci auguriamo di chiudere il 2023 più o meno in parità rispetto al 2022 con un outlook di una ripresa nella seconda metà del 2024”. A dirlo Claudia Sequi, presidente di Assopellettieri, a margine della presentazione delle fiere dedicate alla moda nel calendario di FieraMilano a Febbraio. “Il 2023 è stato un anno che è partito molto bene perché avevamo un fatturato in crescita dell’11,7%. Poi c’è stato un rallentamento, quello che noi abbiamo definito una gelata autunnale, un rallentamento a partire dal secondo e dal terzo trimestre che porta a fine dei nove mesi ad un aumento del fatturato del più 2,2% quindi ci siamo erosi quello che era il picco e il sentiment per l’ultimo trimestre non è buono” ci ha detto Sequi, da luglio 2023 alla guida dei pellettieri.

“E’ un andamento ciclico, che nel mondo della moda non è la prima volta che succede: abbiamo avuto un grande rimbalzo dopo Covid che chiaramente ha portato una crescita double digit che ora ha trovato un suo assestamento – spiega – Sappiamo che il momento non è tra i più felici però il comparto c’è”.

Sul 2024, riconosce la Sequi, “di ombre ce ne sono molte sinceramente abbiamo un’ampia possibilità di scelta. Chiaramente c’è una situazione geopolitica complessa, una guerra che abbiamo praticamente alle porte e tra l’altro, per quel che riguarda il nostro settore, Russia e Ucraina erano mercati di sbocco molto importanti. Chiaramente il fatto che ci sia una guerra tra questi due Paesi non aiuta e poi c’è l’indebolimento del rublo che non aiuta”. La presidente di Assopellettieri ricorda poi “il costo del denaro: anche questo avere difficoltà al credito e avere dei tassi di interesse sempre molto impegnativi, anzi in crescita rispetto magari a quelli che uno si aspettava, chiaramente questo non aiuta”.

A questo si aggiungono i costi della materia prima, legati anche alla situazione nel Canale di Suez: “E’ estremamente difficile perché questo comporterà un aumento dei costi: dovendo passare dal Capo di Buona Speranza c’è una settimana in più di transito, c’è la paura anche che vengano scansati dei porti italiani a favore di altri porti – sottolinea – Il costo dei container dalla Cina è aumentato del 92%, ci sono anche materie che solo esportiamo ma di cui ci approvvigiona dall’estero. “. “Quindi le difficoltà sono molte però rimane secondo me la certezza di un comparto forte – conclude – di un comparto che ha una grande tradizione alle spalle che ha delle radici solide e che credo come sempre troverà le energie per superare anche questo”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles