venerdì, 31 Maggio , 24

Casa del futuro, la rivoluzione dell’edilizia sostenibile

video newsCasa del futuro, la rivoluzione dell'edilizia sostenibile

Maria Grazia Novo spiega il concetto di “casa passiva”

Roma, 31 ott. (askanews) – Negli ultimi anni, il concetto di “casa passiva” ha guadagnato sempre più importanza nel mondo dell’edilizia. Questo innovativo approccio all’architettura, nato in Germania e sostenuto da figure pionieristiche come l’architetto Maria Grazia Novo, rappresenta una svolta significativa nell’edilizia moderna. Ma cosa rende così speciali le case passive, e perché stanno guadagnando terreno nel mercato immobiliare? Novo spiega che “le case passive sono edifici progettati e costruiti con l’obiettivo di ridurre al minimo il consumo energetico, avvicinandosi allo zero. Questo risultato viene ottenuto attraverso una progettazione accurata che tiene conto di diversi fattori chiave, tra cui l’isolamento termico, la tenuta all’aria, l’orientamento solare e l’uso di tecnologie innovative. Grazie a tali caratteristiche, le case passive sono in grado di adattarsi in modo perfetto ai cambiamenti climatici”. Una delle principali caratteristiche distintive delle case passive è la loro capacità di mantenere una temperatura interna costante, indipendentemente dalle condizioni esterne. In estate, grazie all’isolamento termico e a una progettazione ombreggiata, l’interno rimane fresco e confortevole. D’inverno, invece, il calore solare accumulato e il recupero del calore dall’aria espulsa garantiscono un ambiente caldo e accogliente. Tutto questo avviene senza la necessità di interventi manuali. L’altro elemento che rende le case passive una possibile base per il futuro immobiliare riguarda il tema del risparmio energetico ed economico. Queste abitazioni, infatti, si distinguono anche per i bassi costi di gestione, grazie all’ottimizzazione dell’energia elettrica e al minimo consumo energetico richiesto, le bollette energetiche sono notevolmente ridotte. In particolare, il riscaldamento e il raffrescamento sono gestiti autonomamente dalla casa, garantendo un ulteriore risparmio. Se da una parte, quindi, permettono un risparmio dal punto di vista economico, le case passive consentono un grande guadagno dal punto di vista della salute di chi ci abita. C’è un benessere intrinseco e un miglioramento della qualità della vita: l’attenzione ai dettagli, dall’isolamento alle finestre, è progettata per garantire un comfort termico costante. La ventilazione meccanica controllata assicura un flusso d’aria costante all’interno dell’edificio, mantenendo l’aria fresca e pulita. Tutto questo contribuisce a creare un ambiente sano e confortevole, migliorando significativamente la qualità della vita degli abitanti. “Questo sistema garantisce un flusso d’aria costante all’interno dell’edificio, mantenendo l’umidità costante e l’aria fresca e pulita. È essenziale comprendere che la casa passiva non è un ambiente chiuso, ma piuttosto un luogo in cui l’aria viene costantemente rinnovata senza dispersioni di calore e senza inquinamenti” spiega con precisione Novo, che risiede dal 2005 nella sua casa passiva e continua “le case passive sono state accolte con entusiasmo ed emozione da coloro che ci vivono. Il feedback dei nostri clienti non fa che sottolineare la sensazione di comfort termico costante, con temperature uniformi in tutte le stanze, indipendentemente dalle condizioni climatiche esterne”. Nonostante i progressi nell’edilizia passiva, l’obiettivo di ridurre al minimo gli sprechi e i rifiuti rimane ambizioso ma necessario. La rete di collaborazione tra gli architetti pionieri delle case passive ha un pensiero unanime, come spiega l’architetto Andrea Riva, Responsabile Tecnico BACCHI S.p.A. “chi progetta Case Passive ha una mentalità progredita e già da parecchio tempo si è reso conto che l’edificio deve essere altamente efficiente ma, ultimamente, percepisce anche che il risparmio da solo non basta, bisogna essere in grado di progettare benessere. Per questo i progettisti scelgono sempre più le soluzioni minerali BACCHI, perché vanno oltre la sola efficienza, sono sicure, traspiranti e certificate come materiali salubri. Oggi, si dà anche molto più valore al supporto, che va oltre i materiali e, con la formazione e gli strumenti di progettazione progrediti, ci permette di essere molto più utili e vicini a chi progetta e costruisce”. Questo impegno per un’edilizia ecocompatibile rappresenta un passo significativo verso la creazione di ambienti abitativi che rispettano l’ambiente e promuovono il benessere. Anche Francesca Tambornini, Project Sales Specialist Nord Ovest di ROCKWOOL Italia, ritiene che “Il concetto di “casa passiva” rappresenta oggi uno degli standard edilizi leader al mondo. In questo tipo di costruzioni, la differenza sta nel migliore uso che si fa delle influenze “passive” dell’edificio (come il sole, l’ombra e la ventilazione), a scapito dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento attivi. Combinando questo concetto con alti livelli di isolamento, una casa passiva utilizza il 90% di energia in meno rispetto a un’abitazione tradizionale. L’isolamento in lana di roccia non combustibile ROCKWOOL è l’ideale per raggiungere gli standard di casa passiva in quanto si adatta agevolmente all’edificio, mantiene la sua forma nel tempo, lascia passare il vapore, dura a lungo ed è sicuro contro gli incendi”. Le case passive sono il futuro dell’edilizia, poiché rappresentano un rifugio intelligente che si adatta al cambiamento climatico e fanno tutto da sole, ma non è solo una questione di comfort e risparmio. È anche da qui che è partita l’idea di realizzare un documentario sull’approccio delle passive house: Maria Grazia Novo, insieme all’associazione IG CASA PASSIVA PIEMONTE, che si occupa di diffondere il modello delle case passive, è stata ispirata dall’esperienza di chi è coinvolto attivamente in questo settore. Essendo presidente dell’associazione impegnata nella diffusione dei principi delle passive house nel Piemonte e vicepresidente della “Federazione Italiana passive house”, ha notato che l’interesse pratico verso la costruzione di case passive non si è ancora diffuso ampiamente, ed è per questo motivo che, nei progetti futuri, è prevista la realizzazione di un documentario che possa far conoscere a tutti i vantaggi di questo tipo di standard costruttivo sia nel residenziale, che nel pubblico e turistico. “Lo standard Passivhaus è la soluzione ideale per chi vuole vivere in un ambiente sano e sostenibile, investendo nel proprio futuro. Zero ansie, zero obblighi, solo benefici. È il futuro dell’edilizia quello in cui le case si adattano da sole al cambio di clima, garantendo un comfort senza paragoni e un impatto ambientale ridotto al minimo. Scegliere una casa passiva significa scegliere il benessere, la sostenibilità e la salute” conclude Novo.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles