martedì, 5 Marzo , 24

Fattoria Latte Sano festeggia i 75 anni di attività

La factory romana è primo produttore di...

Fondo sovrano di Singapore potrebbe investire in OpenAI

Sarebbe prima volta di un’entità statale nel...

Salute, Zaia: Veneto top in Italia per cure palliative

“Sforzo totale verso chi soffre” Venezia, 5 mar....

8 marzo, Pediatri Sipps: educare bambini al rispetto degli altri

Padri valorizzino figura femminile all’interno della famiglia Roma,...

Presidenziali Azerbaigian, Aliyev rieletto con oltre 92% dei voti

video newsPresidenziali Azerbaigian, Aliyev rieletto con oltre 92% dei voti

Il presidente azerbaigiano da oltre 20 anni alla guida del Paese

Baku, 7 feb. (askanews) – Ilham Aliyev, presidente in carica dell’Azerbaigian, è stato rieletto per il quinto mandato. L’esito delle elezioni presidenziali anticipate era scontato, ma il risultato, a scrutinio quasi completato, è stato praticamente plebiscitario. Aliyev ha stravinto ottenendo oltre il 92% delle preferenze, al di sopra dell’86% registrato nel 2018 alle precedenti presidenziali.Dopo la decisione di indire il voto a dicembre, un anno prima della naturale scadenza, Aliyev aveva spiegato di voler chiudere un’era e aprirne un’altra, in cui venisse sancito il ripristino dell’integrità territoriale del Paese dopo la dichiarazione firmata con l’Armenia per l’area del Karabakh.Un’occasione fortemente simbolica per il Paese, con 26 seggi istituiti per la prima volta proprio in Karabakh, dove ha voluto votare anche il presidente azerbaigiano. Una prima volta storica, come ha sottolineato Farid Shafiyeh presidente del think tank Air Center.”E’ la prima volta dall’indipendenza dell’Azerbaigian nel 1991 che abbiamo la possibilità di indire elezioni nei territori liberati, quindi su tutto il territorio, con un controllo amministrativo e governativo finalmente ristabilito”, “quindi queste sono elezioni fortemente simboliche per l’Azerbaigian”.Dopo oltre 20 anni alla guida dell’Azerbaigian, Aliyev adesso punta a consolidare lo sviluppo del Paese e alla firma di un definitivo accordo di pace con l’Armenia su cui i diplomatici di entrambe le parti lavorano a pieno ritmo anche se restano punti di distanza.Le votazioni sono state seguite da un folto gruppo di osservatori, oltre 90mila, 790 internazionali tra cui un ottantina di rappresentanti dell’Osce.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles