All’individuazione dei tre, incensurati di 14, 15 e 16 anni, i carabinieri sono arrivati grazie al monitoraggio di profili social, all’analisi delle immagini dei filmati in rete e dalle testimonianze delle vittime e delle persone informate sui fatti

…read more