martedì, 5 Marzo , 24

Cuochi Alleanza Slow Food Emilia Romagna a sostegno allevatori

Rinnovata la partnership con gli allevatori della...

Missioni, ok Senato a risoluzioni maggioranza e opposizione (tranne Avs)

Bocciata richiesta Pd per ripristino fondi per...

Cartoons On The Bay: a regista John Musker Pulcinella Award a carriera

Da “La Sirenetta” ad “Aladdin”, da “Hercules”...

Eso: VLT getta nuova luce sul processo di formazione dei pianeti

Osservazioni di oltre 80 giovani stelle con...

Sanremo, Dargen D’Amico: Non pensavo si potesse strumentalizzare vita bambini

AttualitàSanremo, Dargen D'Amico: Non pensavo si potesse strumentalizzare vita bambini

Non voglio fare promozione a canzone, il cessate fuoco è di tutti

Milano, 8 feb. (askanews) – “Quando inizio a parlare dico quello che penso, non c’è niente di più sacro della vita dei bambini” esordisce così ai microfoni di Non è un paese per Giovani su Rai Radio 2 con Massimo Cervelli e Tommaso Labate, Dargen D’Amico che commenta le numerose polemiche nate dalle parole che hanno seguito la sua esibizione sul palco dell’Ariston. “Viviamo in un paese come l’Italia che è sempre stata un grande villaggio con uno spirito di comunità molto forte, all’interno del quale qualsiasi bambino fosse arrivato a casa tua, gli avresti dato da mangiare, non gli avresti chiesto da dove vieni”, ha spiegato. Ha poi raccontato cosa ha provato dopo aver letto i primi commenti: ” Io pensavo che sul cessate il fuoco, sul proteggere la vita dei bambini , sul dare l’elettricità alle incubatrici fossimo d’accordo tutti. Il rischio è che poi ti rendi conto che una affermazione che ha a che fare con l’essenza della nostra vita, cioè il rispetto degli altri e delle categorie più fragili, viene strumentalizzato e sembra quasi che tu voglia fare promozione alla canzone”. ” La canzone è una cosa ed è mia, il cessate fuoco è di tutti, l’umanità, il nocciolo della questione, io sono solo un orpello” ha infine concluso.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles