martedì, 5 Marzo , 24

Cuochi Alleanza Slow Food Emilia Romagna a sostegno allevatori

Rinnovata la partnership con gli allevatori della...

Missioni, ok Senato a risoluzioni maggioranza e opposizione (tranne Avs)

Bocciata richiesta Pd per ripristino fondi per...

Cartoons On The Bay: a regista John Musker Pulcinella Award a carriera

Da “La Sirenetta” ad “Aladdin”, da “Hercules”...

Eso: VLT getta nuova luce sul processo di formazione dei pianeti

Osservazioni di oltre 80 giovani stelle con...

Siria, base Usa attaccata da “sciame di droni”

Dall'Italia e dal MondoSiria, base Usa attaccata da “sciame di droni”

(Adnkronos) – Sono state segnalate esplosioni vicino a una base militare americana in Siria, rese note dalla rete libanese Al Mayadeen, affiliata a Hezbollah. La base Usa – nel giacimento petrolifero di Al-Omar, nella regione controllata dai curdi della Siria nord-orientale, vicino alla città di Deir ez-Zor – è stata attaccata da uno “sciame di droni suicidi” secondo il notiziario egiziano Bayan-gate ed è il secondo attacco di questo genere questa settimana contro le basi statunitensi nella regione.  

L’attacco è stato collegato dai media arabi agli attacchi aerei di ritorsione degli Stati Uniti contro i gruppi allineati con l’Iran e le loro posizioni in risposta ai tre militari americani uccisi in una base in Giordania, vicino al confine siriano all’inizio della settimana.  

L’attacco alla base americana arriva solo poche ore dopo il sospetto assassinio di un comandante di Kataib Hezbollah a Baghdad, coinvolto in molteplici attacchi contro le posizioni statunitensi in Medio Oriente e probabilmente anche nell’attacco mortale in Giordania. 

L’Iraq sarebbe stato informato dell’attacco dell’esercito americano solo poco dopo, per motivi di sicurezza operativa, ha detto un funzionario americano, riferendosi all’uccisione del comandante di Kataib Hezbollah. 

“Siamo stati chiari nelle dichiarazioni pubbliche e nelle conversazioni private con gli iracheni che gli Stati Uniti avrebbero risposto all’attacco nel momento e nel luogo di loro scelta”, ha detto il funzionario, spiegando che una notifica anticipata del raid non sarebbe stata fornita per motivi di sicurezza operativa.  

 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles